News

Perché li amiamo? Perché danno quel pizzico di “fuoco” che riscalda ogni piatto. E perché con i loro sapori e profumi non possono che mettere allegria. Scopri tutte le sorprese del MESE DEL PEPERONCINO!

AGOSTO MESE DEI PEPERONCINI
Vieni a scoprire tutte le sorprese del mese dei peperoncini al Centro Giardinaggio Pellegrini, Strada Fratte 7200, Sant’Elpidio a Mare (FM).
Tantissime varietà curiose, rare e ricercate e SCONTI ESCLUSIVI per i possessori della friend card!

Le proprietà del peperoncino

Il peperoncino è da sempre un alimento molto salutare: ricco di vitamine e antiossidanti, ha la curiosa proprietà di bruciare i grassi (oltre che la lingua)! Inoltre Il peperoncino aiuta a combattere i danni provocati dall’invecchiamento di cellule e tessuti. Contiene numerose vitamine e sali minerali che stimolano la produzione di succhi gastrici e favoriscono la digestione. E la capsaicina migliora la circolazione del sangue alleviando dolori e infiammazioni.

Si dice che il nome “peperoncino” derivi dal greco “kapto” che significa “mordere”, con evidente riferimento al piccante che morde la lingua quando si mangia.

 

le_proprietà_peperoncino

La coltivazione del peperoncino si è diffusa in tutto il mondo. E in modo abbastanza curioso…
Sapete come? Grazie ai volatili. Questi, attirati dagli splendidi colori variopinti delle bacche dei peperoncini, li consumano tranquillamente e, digerendo, distribuiscono i semi in giro per il mondo. Questo perché Madre Natura li ha dotati della più completa insensibilità alla capsaicina, la sostanza che rende piccanti i peperoncini!

Peperoncino: le specie più coltivate al mondo

  • Capsicum annuum, il peperone dolce italiano il più coltivato al mondo
  • Capsicum baccatum, tipico di Bolivia e Perù è di piccantezza media
  • Capsicum chinense, i peperoncini più piccanti al mondo
  • Capsicum frutescens, subito dopo i chinense per piccantezza
  • Capsicum pubescens, l’albero del peperone, più resistente al freddo

Più il frutto è ricco di capsaicina più è piccante e brucia; la placenta, i filamenti e gli stessi semi sono le parti più piccanti.

 

Come si coltiva il peperoncino in vaso?

Di la verità, ti abbiamo fatto venir voglia di cimentarti con la coltivazione del peperoncino

Ecco alcuni consigli utili:

  1. Scegli un vaso di 20-40 cm di diametro e altrettanti di profondità. Ricordati di mettere dei cocci o dell’argilla espansa sul fondo del vaso per il drenaggio
  2. Per il rinvaso utilizza del terriccio di buona qualità, mescolato a sabbia grossolana o perlite (15%)
  3. Fai attenzione che il pane di terra della piantina, al trapianto non sia troppo asciutto. Se necessario bagnalo prima di metterla a dimora e dopo il rinvaso pressare con cura il terreno vicino alle radici per farlo aderire meglio
  4. Posiziona la pianta in luogo molto luminoso, con almeno 6 ore di sole diretto al giorno
  5. Concima al trapianto con un buon fertilizzante minerale granulare ternario, povero di Azoto (N) e completo di microelementi (un cucchiaio per vaso di 20 cm), leggermente interrato, lontano da fusto e radici
  6. Irriga uniformemente dopo il trapianto (circa un bicchiere di acqua per vaso da 20 cm). Limitare le annaffiature in marzo e aprile
  7. L’irrigazione deve essere ripetuta solo quando il terreno in superficie è ben asciutto, per evitare pericolosi ristagni idrici o eccessi di vigore a discapito della produzione di frutti
  8. Fissar la pianta ad un tutore quando supera i 35 cm di altezza e pota i rami che si allontanino eccessivamente dalla “sagoma” della pianta

 

come_si_coltiva_peperoncino

 

P.S. Se sei curioso di scoprire come creare il tuo orto sul balcone leggi anche “Orto sul balcone: cosa piantare per avere ortaggi freschi tutto l’anno

Le principali varietà di peperoncino in base alla piccantezza

Sapevi che la piccantezza dei peperoncini si misura in gradi Scoville SHU (Scoville Heat Units)? Il numero di unità di Scoville indica la quantità di capsaicina equivalente contenuta.

  • 𝗛𝗢𝗧 – 𝗱𝗮 𝟱.𝟬𝟬𝟬 𝗮 𝟱𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗦𝗛𝗨: sono i peperoncini meno piccanti
  • 𝗩𝗘𝗥𝗬 𝗛𝗢𝗧 – 𝗱𝗮 𝟭𝟬𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗮 𝟰𝟬𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗦𝗛𝗨: piccantezza discreta e particolarmente pungente
  • 𝗦𝗨𝗣𝗘𝗥 𝗛𝗢𝗧 – 𝗱𝗮 𝟱𝟬𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗮 𝟭.𝟯𝟬𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗦𝗛𝗨: il grado di piccantezza è mooolto elevato; sono i peperoncini più amati dai conoscitori
  • 𝗘𝗫𝗧𝗥𝗘𝗠𝗘 𝗛𝗢𝗧 – 𝗱𝗮 𝟭.𝟯𝟬𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗮 𝟭.𝟴𝟬𝟬.𝟬𝟬𝟬 𝗦𝗛𝗨: non esiste nulla di più piccante al mondo del 𝘔𝘰𝘳𝘶𝘨𝘢 𝘚𝘤𝘰𝘳𝘱𝘪𝘰𝘯 𝘳𝘰𝘴𝘴𝘰 e del 𝘊𝘢𝘳𝘰𝘭𝘪𝘯𝘢 𝘙𝘦𝘢𝘱𝘦𝘳. Peperoncini per veri temerari!

 

varietà_di_peperoncino

E se il peperoncino brucia troppo? Ecco come correre ai ripari…

Ti sentivi impavido e l’hai provato quel peperoncino super hot… Ma adesso, come si spegne tutto questo bruciore?

Prova così:

  • Ingerisci prodotti come latte, yogurt o panna
  • Mangia pane bianco
  • Evita di assumere bevande molto alcoliche o calde, peggioreresti solo la situazione
  • Se hai cucinato una piatto a base di peperoncino, ma pensi che sia riuscita troppo piccante, usa della panna da cucina o del formaggio per attenuarne il sapore

Ancora qualche consiglio utile sui peperoncini

  1. Se il peperoncino è troppo piccante togli i semi e i filamenti (sono le parti più piccanti); oppure immergilo in acqua bollente e fallo riposare per una notte
  2. Indossa sempre i guanti se manipoli varietà di peperoncini molto piccanti
  3. Se la pelle brucia passateci sopra un pò di disinfettante
  4. Fai attenzione al taglio dei frutti, potrebbero schizzare succo
  5. Lava accuratamente tutti gli attrezzi usati per preparare i peperoncini
  6. Assaggia sempre un pezzettino del vostro peperoncino prima di condire la pietanza

 

Fonte: Guida indispensabile ai peperoncini piccanti, Orto Mio

 

Lascia un commento